EPISTOLA A CANGRANDE DELLA SCALA PDF

Christened Can Francesco, perhaps partly in punning homage to his uncle Mastino "mastiff" I, the founder of the Scaligeri dynasty, his physical and mental precocity soon earned him the name Cangrande, namely "big" or "great dog". Cangrande was held in great affection by his father who took the extraordinary step of knighting him while still a child on November 11, Physical appearance and personality[ edit ] Equestrian Statue of Cangrande in the Castelvecchio Museum , Verona Investigations following the exhumation of his mummified corpse in indicate that Cangrande was 1. Considerable physical strength and endurance is attested to by the almost ceaseless military campaigns described by contemporary historians and poets. He was known for his joviality also a furious temper on occasions when things were not going his way and open disposition, fond of discourse with people of all social classes. He was an eloquent speaker, and argument and debate for its own sake was one of his favourite peacetime pastimes when he was not out hunting or hawking.

Author:Zoloramar Mazugar
Country:Tanzania
Language:English (Spanish)
Genre:Spiritual
Published (Last):24 March 2019
Pages:472
PDF File Size:20.76 Mb
ePub File Size:20.9 Mb
ISBN:498-4-99619-224-3
Downloads:71294
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Kajiramar



Nel settembre del , poi, un documento sinora ignoto Arch. Nel il D. La sua prima comparsa in una campagna militare intrapresa da Alboino - signore dal - potrebbeessere fatta risalire al marzo del , quando secondo il Chronicon Estense il D. Cronisti e storici, specie antichi, hanno insistito ripetutamente sulla leadership di fatto che il D. Nel cade anche il matrimonio del D.

Poche settimane dopo probabilmente il 7 marzo i due Scaligeri furono a loro volta nominati, primi in Italia, vicari imperiali. Fu un momento decisivo del consolidamento del prestigio scaligero, e personale del D. Il patrimonio di ambedue giunse poi nel nelle mani del D.

Oltre al prestigio di cui godeva il D. Anche se mancano dati precisi, sembra che il ceto dirigente vicentino sia stato sostanzialmente rispettato, dal punto di vista patrimoniale.

Sofia "prothonotarius et scriba d. Nel biennio la situazione politica della Marca era rimasta tranquilla, con due schieramenti ormai consolidati Padova e Treviso da un lato; il D. La risposta del D. Negli anni successivi i rapporti del D. La "scelta di campo" del resto obbligata per Federico il Bello compiuta nel ebbe a sua volta conseguenze importanti, negli anni successivi, sulla condotta politico-militare del signore di Verona.

Di fronte a questa nuova situazione il D. Nella pace, che fu allora stabilita e che venne confermata nel marzo, fu deliberato che il D. Nel frattempo, egli interveniva anche a Cremona, di cui divenne signore il Bonacolsi aprile-agosto del , nel Bresciano marzo-luglio, senza risultati decisivi e nel Modenese ancora con il Bonacolsi luglio-agosto , non senza qualche tentativo nel Bolognese fu scoperta una congiura per la consegna al D.

Sul piano diplomatico, il D. La pressione militare e politica del D. Amici del D. Vi fu dunque un pur modesto nucleo iniziale di sostenitori del D. Secondo il Mussato, del gruppo fecero parte nel , oltre alle famiglie citate, anche i Cane e i da Poiana. La situazione del ceto dirigente padovano rimase sempre assai fluida, aperta ai complessi giochi in atto fra le principali famiglie cittadine, attorno alle quali si aggregavano le partes. Fra tutti spiccava il gruppo dei Maccaruffi.

Maccaruffo, il leader, "cum Carrariensibus contendebat licet impar"; ma la sua adesione tattica al D. Nel complesso dunque un atteggiamento, da parte del D. Minori informazioni abbiamo, rispetto al caso padovano, sui suoi rapporti, ad esempio, con le famiglie trevigiane. Lo dimostrano del resto le poche vicende sinora studiate di famiglie guelfe veronesi.

I Lendinara si vedano gli studi dello Hyde si "padovanizzano" completamente, nei rami espulsi. Nei primi decenni del Trecento, fra i pochi che ebbero un minimo credito politico vi furono Vinciguerra Sambonifacio e Pescaresio Dalfini da Peschiera, che si presentarono alla corte di Enrico VII.

Nel giugno il D. Le dedizione di Belluno al D. In questi anni successivi al tratto saliente della politica del D. Nella Marca intanto proseguiva la contrapposizione con Treviso in una continua alternanza di attacchi dei fuorusciti sostenuti dal D.

Nel giugno , con la mediazione di Ludovico il Bavaro, si giunse ad un ennesimo armistizio. Non compaiono, in questa occasione, gli illegittimi del Della Scala. Al suo rientro in Trento il D. Ci si riferisce ovviamente, soprattutto, alla "sostituzione" operata dal D. Allo stato attuale delle conoscenze la decisione del D. La supposizione ci sembra non irragionevole; e, se altrimenti suffragata, potrebbe forse spiegare qualche aspetto di questi complessi rapporti con Mantova nel Il 10 settembre il D.

La leadership di Marsilio da Carrara venne in tal modo saldamente assicurata ed egli ricevette i beni di famiglie cospicue come i Dente, i Terradura, gli Altichini, i Malizia, i Maccaruffi, vale a dire di non poche famiglie eminenti di tradizione "popolare". Le scelte compiute dal D. Che il governo del D. Infatti nel biennio il D. Della Domus il D.

Il secondo, molto meno noto, riguarda la politica fiscale adottata in ambito cittadino dal D. Ai primi di luglio del il D. A Treviso il D. Treviso fu conquistata il 17 luglio. Il suo corpo, trasportato a Verona, fu sepolto in quello che era destinato a divenire il cimitero "di famiglia", nella contrada di residenza dei Della Scala S.

Maria Antica. Ivi, verso il , Mastino II fece erigere la celebre statua equestre di Cangrande. La recente ricostruzione genealogica compilata dal Sancassani, confermando ed ampliando i dati dei vecchi genealogisti Canobbio, Torresani , ha individuato otto discendenti illegittimi del D.

Fonti e Bibl. Spangenberg, C. Tra quelle successive a tale opera si ricordano qui: Codice diplom. Astegiano, II, Torino , p. Mussato, Sette libri ined. Padrin, Venezia , ad Indicem; C. Cipolla, La storia scaligera secondo i documenti degli archivi di Modena e di Reggio Emilia, Venezia , pp. XIV, a cura di C. Finke, Berlin-Leipzig , I, pp. Cronica, in Mon. Holder-Egger,Hannoverae-Lipsiae , pp. Schwalm, IV, ibid. Simeoni, Venezia , pp. Urkunden, Briefe undandere Quellen Stengel, I, Berlin , pp.

Gross,Innsbruck , pp. Hofmeister, Berlin , p. Wiessner, I, , Klagenfurt , pp. Sancassani, in Dante e Verona, Verona , pp. Miste, reg. Zago, Venezia , ad Indicem; G. I ; e ibid. II ;Id. Cipolla, Compendio della storia politica di Verona , Mantova , pp. Biadego, Dante e gli Scaligeri, in Nuovo Arch. Gerola, Guglielmo Castelbarco, in Annuario deglist.

Cipolla, Un amico di C. Cipolla, Degli atti diplom. I in Padova, in Rendic. Pellegrini, in Bull. Gerola, Contributo alla storia delle relaz. Ciaccio, Il card. Picotti, I Caminesi e la loro signoria in Treviso, Livorno , pp.

Soranzo, La guerra fra Venezia e la S. Benini, Quando nacque C. Saggio storico-giuridico, in NuovoArchivio veneto, n. Allen, A history of Verona, London , pp. Cipolla, Il processo ecclesiastico contro Rinaldo Bonacolsi dal al , in Scritti varii di erudiz.

Renier, Torino , pp. Fainelli, Le condizioni econ. Livi, Dante, suoi primi cultori, sua gente in Bologna, Bologna , pp. Biscaro, Le relaz. Biadego, Tre docum. Sforza, Torino , pp.

LA TORRE DE WAYRETH PDF

Epistola XIII a Cangrande della Scala

Nel settembre del , poi, un documento sinora ignoto Arch. Nel il D. La sua prima comparsa in una campagna militare intrapresa da Alboino - signore dal - potrebbeessere fatta risalire al marzo del , quando secondo il Chronicon Estense il D. Cronisti e storici, specie antichi, hanno insistito ripetutamente sulla leadership di fatto che il D. Nel cade anche il matrimonio del D. Poche settimane dopo probabilmente il 7 marzo i due Scaligeri furono a loro volta nominati, primi in Italia, vicari imperiali.

ESFINGOLIPIDOS FUNCION PDF

Primary Menu

.

Related Articles